E COME…ELEFANTE

E COME…ELEFANTE
Scarica il PDF
Scarica il PDF
Scarica il PDF
Scarica il PDF






  •  
  •  
  •  
  •  

Per presentare la lettera E , per prima cosa ho letto la storia proposta dal testo che ho adottato “A come …. a scuola insieme” Edizioni Pearson.

E COME… ELEFANTE

Elefante non amava il movimento. La sua occupazione preferita era starsene seduto all’ombra, a pensare.
Osservava una formica e si domandava: – Perché è piccola e non grande?
Seguiva con lo sguardo le gocce di pioggia che cadevano e si chiedeva: – Perché scendono e non salgono?
La testa di elefante era piena di domande. Era così occupato a pensare e a cercare le risposte che non gli restava il tempo per fare altro. Erano molte le cose che elefante non faceva, per esempio non giocava mai. E non giocando, non aveva neanche un amico.
Un giorno se ne stava seduto tranquillo sotto l’albero, quando sentì un forte BONG proprio sopra la sua testa. Era una mela matura che si era staccata dal picciolo.
Uccellino, che stava sul ramo, cominciò a ridere. Rideva così forte che elefante si sentì preso in giro e si offese.
– Sei così buffo! – disse uccellino – E che rumore ha fatto la tua testa! BONG! BONG! BONG!
Elefante trovò quell’uccellino sciocco e insopportabile.
Proprio in quel momento un’altra mela si staccò dal ramo e andò a finire sulla testa di uccellino.
BING, fece la mela.
Elefante scoppiò in una gran risata.
– Che suono buffo ha fatto la tua testa! BING! BING! BING!
Uccellino guardò elefante, ma non si offese. Non lo aveva mai visto così: se ne stava sempre seduto a pensare, e invece adesso rideva a crepapelle. La risata di elefante fu contagiosa e presto anche uccellino cominciò a ridere.
Nei giorni successivi qualcosa cambiò: elefante se ne stava sempre seduto, ma con gli occhi cercava uccellino e ogni volta che compariva sul ramo si sentiva felice. Aveva trovato un amico e da quel momento in poi decise che avrebbe pensato un po’ di meno e riso un po’ di più.
Quella notte elefante fece un sogno. Sognò di volare sempre più in alto e via via che saliva si trasformava: sparivano le zanne e le orecchie, la proboscide si accorciava… e, alla fine, rimase solo una letterina che brillava nella notte. Era la lettera E… come Elefante.

(tratto da A come…..a scuola insieme – Edizioni Pearson)

Come già fatto con la lettera A, anche questa volta ho raccontato la storia usando le sagome dei 5 personaggi che rappresentano le vocali.

marionette sagome

Sul quaderno abbiamo incollato il minibook della storia di E.

book e

E seq 1

Infine ho preparato una scheda con immagini di oggetti che iniziano con E.

Immaginequad

elfo

Per aiutarli nel lavoro ho preparato le stesse immagini a colori in formato più grande stile flashcard.

Scivi un Commento

Navigando tra queste pagine, esprimi il tuo consenso all'utilizzo dei cookies. Maggiori Info

Un cookie è una piccola quantità di dati inviati al tuo browser da un server web e che vengono successivamente memorizzati sul disco fisso del tuo computer. Il cookie viene poi riletto e riconosciuto dal sito web che lo ha inviato ogni qualvolta effettui una connessione successiva. Come parte dei servizi personalizzati per i suoi utenti, il nostro sito utilizza dei cookie per memorizzare e talvolta tenere traccia di alcuni dei dati personali forniti dagli utenti stessi.

Ti ricordiamo che il browser è quel software che ti permette di navigare velocemente nella Rete tramite la visualizzazione e il trasferimento delle informazioni sul disco fisso del tuo computer. Se le preferenze del tuo browser sono settate in modo da accettare i cookie, qualsiasi sito web può inviare i suoi cookie al tuo browser, ma – al fine di proteggere la tua privacy – può rilevare solo ed esclusivamente quelli inviati dal sito stesso, e non quelli invece inviati al tuo browser da altri siti.

Per maggiori informazioni sui cookies, visita questo sito.

Chiudi