LETTERA C

LETTERA C
Scarica il PDF
Scarica il PDF








  • 1
  •  
  •  
  • 1

Questo è il percorso proposto ai miei alunni per fare conoscenza con la lettera C.

Lettura per presentare il suono duro di C

C COME.. COCCODRILLO

Camillo era un coccodrillo verde brillante molto sveglio e curioso.
Gli piaceva imparare e fare esperienze sempre diverse. La curiosità lo portava a vivere piccole avventure e a non avere paura di nulla.
Gli altri coccodrilli erano un po’ fifoni e non capivano la sua voglia di sperimentare.
Così, una bella mattina di primavera, Camillo indossò la sua giacca verde più elegante e il papillon rosso rubino e salutò i suoi amici.
– Vi saluto, vado in cerca di avventure! – e si incamminò lungo la strada.
Camillo aveva una bellissima voce, adorava cantare e durante il tragitto deliziò uccelli, pesci e farfalle con dolci ritornelli.
Saltellava e cantava allegramente, quando arrivò vicino a uno stagno.
Era un po’ stanco di camminare , così decise di riposarsi.
Si sdraiò sull’erba, sotto il sole, chiuse gli occhi e si addormentò.
A un tratto sentì un fruscio fra l’erba, aprì gli occhi e, seminascosta da un cespuglio, vide una piccola rana.
Camillo la guardò incuriosito: la rana si muoveva in modo strano, sembrava che stesse ballando.
Si schiarì la voce e disse: – Ehm, ciao, chi sei?
La rana si spaventò e si nascose dietro il cespuglio: – Che spavento! Chi sei tu, e perché mi disturbi mentre ballo?
– Stavi ballando? Scusa, non l’avevo capito. Ora che ci penso, però, non ti muovevi affatto male.
– Grazie! – rispose la rana, contenta.—Mi esercito perché vorrei partecipare a una gara di ballo. Mi chiamo Rarà, la rana ballerina.
– Piacere. Io sono Camillo, il coccodrillo canterino.
– Sei un cantante? – gridò Rarà.—Fantastico! Ho bisogno di qualcuno che mi accompagni mentre danzo. Tu potresti cantare e io danzare, saremmo una coppia perfetta, insieme potremmo vincere la gara!

Camillo accettò molto volentieri e cominciarono a fare le prove.
Diventarono amici e Camillo decise di restare con Rarà: voleva imparare tutto sulle rane e sulla danza. Poteva diventare ballerino anche lui.
Quella notte Camillo fece un sogno: sognò di trasformarsi in una letterina dell’alfabeto: una C come… coccodrillo, come Camillo.

Tratto da “A come… a scuola insieme” Edizioni Pearson

c dura

 

Lettura per presentare il suono dolce di C

C COME … CESTINO

Cecilia era in vacanza con i genitori e tutti i giorni andava a raccogliere le noci sulle colline vicine.
Le piaceva riempire il cestino fino all’orlo e sistemare le noci in camera sua.
Nel bosco incontrava tanti piccoli animali: scoiattoli, coniglietti, farfalle, anche qualche volpe.
Un pomeriggio vide un riccio che si aggirava vicino a un cespuglio.
– Ciao, piccolino!
Il riccio fece un balzo, si raggomitolò su se stesso e spinse in fuori gli aculei.
– Ehi, non aver paura, non voglio farti niente!
Cecilia si sedette su una radice vicno al cespuglio e aspettò che il riccio si sentisse più tranquillo.—Guardami, non ti farò del male.
Il riccio alzò la testolina e guardò Cecilia. A poco a poco si rimise dritto e si avvicinò alla mano che la bambina gli porgeva.
– Bravo. Hai visto, sto ferma. Ma che cosa hai fatto alla zampina!
Il riccio era ferito a una zampa e Cecilia capì che doveva curarlo.
Tolse le noci dal cestino e vi fece entrare il riccio.
Corse a casa, sistemò il cestino sulla sua scrivania, coprì il riccio con un asciugamano e si dedicò alla zampina ferita. Il riccio cominciò a fidarsi completamente di Cecilia, tanto da farsi accudire e nutrire senza proteste. Il cestino era diventato la sua nuova casa.
Qualche tempo dopo, quando la zampa guarì, Cecilia riportò il riccio nel bosco e lo fece scivolare fuori dal cestino. Il riccio la guardò come se volesse ringraziarla, poi si voltò e trotterellò via felice. Cecilia raccolse qualche noce, poi tornò a casa contenta di questa piccola avventura.
Quella notte Cecilia fece un sogno: sognò che il suo cestino si trasformava in una letterina dell’alfabeto: una C come cestino, come ….Cecilia.

Tratto da “A come… a scuola insieme” Edizioni Pearson

 

C dolce

quad c

Spiegazione:

IL SUONO C SI LEGGE IN DUE MODI

SUONO DURO

C + A = CA

C + O = CO

C + U = CU

SUONO DOLCE

C + E = CE

C + I  = CI

C DOLCE E DURO

Poi alcune parole con il suono duro di C

caramellesuono duro

e altre con il suono dolce di C

cervosuono dolce

 

 

Scivi un Commento

Navigando tra queste pagine, esprimi il tuo consenso all'utilizzo dei cookies. Maggiori Info

Un cookie è una piccola quantità di dati inviati al tuo browser da un server web e che vengono successivamente memorizzati sul disco fisso del tuo computer. Il cookie viene poi riletto e riconosciuto dal sito web che lo ha inviato ogni qualvolta effettui una connessione successiva. Come parte dei servizi personalizzati per i suoi utenti, il nostro sito utilizza dei cookie per memorizzare e talvolta tenere traccia di alcuni dei dati personali forniti dagli utenti stessi.

Ti ricordiamo che il browser è quel software che ti permette di navigare velocemente nella Rete tramite la visualizzazione e il trasferimento delle informazioni sul disco fisso del tuo computer. Se le preferenze del tuo browser sono settate in modo da accettare i cookie, qualsiasi sito web può inviare i suoi cookie al tuo browser, ma – al fine di proteggere la tua privacy – può rilevare solo ed esclusivamente quelli inviati dal sito stesso, e non quelli invece inviati al tuo browser da altri siti.

Per maggiori informazioni sui cookies, visita questo sito.

Chiudi