IL MITO

IL MITO

Annunci 17    Trovate il lavoro in PDF...

Leggi Tutto

Storia classe terza

Storia classe terza

Annunci 68   7Condivido alcune schede che avevo preparato all’inizio di classe terza : la storia e lo storico gli aiutanti dello storico i fossili (Nei PDF allegati)    ...

Leggi Tutto

Omaggio alla primavera

Omaggio alla primavera

Annunci 12    Trovate tutto il lavoro nel pdf allegato. Questi sono alcuni lavori dei miei bravissimi alunni!      ...

Leggi Tutto

Dal discorso diretto al discorso indiretto

Dal discorso diretto al discorso indiretto

Annunci 18    Tutto il lavoro è raccolto nel PDF allegato....

Leggi Tutto

L’AUTUNNO

L’AUTUNNO

Annunci 20    DETTATO QUANDO ARRIVA L’AUTUNNO Quando arriva l’autunno, lo si avverte già nelle strade della città al mattino, lo si respira, lo si sente sugli occhi, nei capelli. L’aria ha un sapore umido e fresco. Per le strade e i viali, un fiume di foglie gialle, arancioni, dorate, ricopre i marciapiedi. L’autunno è fresco e un poco stanco. L’odore di certe giornate di ottobre sa di terra smossa. L’autunno sonnecchia silenziosamente fra questi odori.     Filastrocca d’autunno   (lettura e comprensione) SOLE D’OTTOBRE In questi giorni d’ottobre sembra di essere tornati in primavera: la natura mostra gli ultimi fiori e le forme incredibili dei funghi. Le foglie degli alberi assumono colori meravigliosi: rosso, arancione, giallo, rame, bruno, che spiccano nel cielo lavato dalle piogge estive. Gli animali sono tutti in movimento: partono gli uccelli migratori; i grandi mammiferi cambiano pelo e assumono una folta pelliccia invernale, mentre gli animali che vanno in letargo si danno da fare ad accumulare le loro riserve di grasso. E in questi ultimi giorni di sole prima delle nebbie invernali, ricci e ghiri, tassi e serpenti, tartarughe e rospi girano tra l’erba e il sottobosco in cerca di cibo. Se andrete in campagna, potrete avere sorprese bellissime: raccogliere le noci e le castagne che nessuno ha scoperto; scoprire che ora fioriscono le cicorie celesti, la mentuccia profumata e i ciclamini autunnali. Rispondi salle domande: Perché in ottobre sembra di essere tornati in primavera? Perché gli animali in questo periodo sono tutti in movimento? Quali sorprese si possono avere andando in campagna? Che cosa ci sarà dopo questi ultimi giorni di sole?   ARRIVA L’AUTUNNO Ecco l’autunno, lo riconosco lungo le siepi e là nel bosco. Son rosse e gialle tutte le foglie, il vento passa e le raccoglie… Sbocciano i crocus e i ciclamini, formano uniti tanti cestini. E’ la stagione delle castagne, belle nei ricci sulle montagne. Tante col nonno ne coglierò e con gli amici le mangerò. F. Cardenti     Il poeta ha descritto l’autunno e le sue caratteristiche con il linguaggio poetico. Che cosa dice delle foglie? E dei fiori? E dei frutti?...

Leggi Tutto

I testi narrativi

I testi narrativi

Annunci 20   3IL BAMBINO CHE VOLEVA LE STELLE Un bambino che aveva paura del buio voleva prendere le stelle e metterle attorno al suo letto. La prima sera va alla finestra e allunga il braccio, ma le stelle sono troppo in alto. La seconda sera si mette le molle sotto i piedi e fa dei salti, ma non riesce nemmeno a toccarle. La terza sera mette la scala sulla terrazza, vi sale sopra e con il retino cerca di prenderle. Niente. La quarta sera fa partire il suo aeroplanino telecomandato ma quello vola in alto e torna senza stelle. Allora la quinta sera il bambino apre il libro delle favole, ne esce il tappeto volante, vi sale sopra e sale verso le stelle. E quando scende giù le stelle lo accompagnano, restano tutta la notte intorno al suo letto e il bambino non ha più paura del buio.   Rispondi alle domande in modo corretto e completo: 1)Chi è il protagonista della storia? 2)Di che cosa aveva paura il bambino? 3)Cosa voleva fare il bambino? 4)Cosa fa la terza sera? 5)Con che cosa raggiunge le stelle il bambino? 6)Come si conclude la storia?   (Individuiamo le 6 sequenze) IL BAMBINO CHE VOLEVA LE STELLE Un bambino che aveva paura del buio voleva prendere le stelle e metterle attorno al suo letto. (1) La prima sera va alla finestra e allunga il braccio, ma le stelle sono troppo in alto. (2) La seconda sera si mette le molle sotto i piedi e fa dei salti, ma non riesce nemmeno a toccarle. (3) La terza sera mette la scala sulla terrazza, vi sale sopra e con il retino cerca di prenderle. Niente. (4) La quarta sera fa partire il suo aeroplanino telecomandato ma quello vola in alto e torna senza stelle. (5) Allora la quinta sera il bambino apre il libro delle favole, ne esce il tappeto volante, vi sale sopra e sale verso le stelle. E quando scende giù le stelle lo accompagnano, restano tutta la notte intorno al suo letto e il bambino non ha più paura del buio. (6)   Illustra con 6 disegni i momenti principali della storia e scrivi sotto ciascuno una breve frase che li spieghi....

Leggi Tutto

Un’attività per cominciare….

Un’attività per cominciare….

Annunci 27    RICORDI DELL’ESTATE Ieri Roberta ha allineato sul tavolo una piccola chiave, un sasso, una conchiglia ancora odorosa di mare. Sono le cose che le ricordano l’estate. Con la chiave in mano si rivede mentre apre il lucchetto della sua bicicletta: quante corse pedalando nel vento! Il sasso le ricorda il torrente, l’acqua trasparente tra i ciottoli e il momento in cui aveva gridato: – Ho trovato un sasso meraviglioso! Infine tenendo la conchiglia tra le mani, Roberta ripensa al mare, al sole, ai giochi sulla spiaggia, al rumore delle onde, al volo dei gabbiani. Roberta ripone la chiave, il sasso, la conchiglia odorosa di mare nel cassetto della sua scrivania. In ogni momento potrà aprire il cassetto e ritrovare i ricordi dell’estate. E. Menegatti, L’albero verde, EDI   Disegna e racconta: Hai anche tu un oggetto che ti ricorda l’estate? Che cos’è? Che cosa ti ricorda?  ...

Leggi Tutto

Navigando tra queste pagine, esprimi il tuo consenso all'utilizzo dei cookies. Maggiori Info

Un cookie è una piccola quantità di dati inviati al tuo browser da un server web e che vengono successivamente memorizzati sul disco fisso del tuo computer. Il cookie viene poi riletto e riconosciuto dal sito web che lo ha inviato ogni qualvolta effettui una connessione successiva. Come parte dei servizi personalizzati per i suoi utenti, il nostro sito utilizza dei cookie per memorizzare e talvolta tenere traccia di alcuni dei dati personali forniti dagli utenti stessi.

Ti ricordiamo che il browser è quel software che ti permette di navigare velocemente nella Rete tramite la visualizzazione e il trasferimento delle informazioni sul disco fisso del tuo computer. Se le preferenze del tuo browser sono settate in modo da accettare i cookie, qualsiasi sito web può inviare i suoi cookie al tuo browser, ma – al fine di proteggere la tua privacy – può rilevare solo ed esclusivamente quelli inviati dal sito stesso, e non quelli invece inviati al tuo browser da altri siti.

Per maggiori informazioni sui cookies, visita questo sito.

Chiudi